Intervista al Maestro - okinawakarate





Logo okinawakarate
Vai ai contenuti

Menu principale:

La Palestra


LO SHOTOKAN PER I BAMBINI DELLA PALESTRA OKINAWAKARATE.
INTERVISTA AL MAESTRO ROBERTO NINCI

COSA VUOL DIRE PER LEI INSEGNARE IL KARATE-DO AI BAMBINI?
Per me insegnare ai bambini è una cosa bellissima stimolante ed una continua ricerca e fonte di studio. Il karate-do shotokan che viene insegnato ai bambini della “okinawakarate” viene adattato e modificato in base alle caratteristiche dei bambini.Visto che il fisico dei piccoli è in continuo cambiamento va tenuto presente di tutto ciò nella pratica.Ogni anno sarà per me una nuova sfida con me stesso per offrire loro nozioni,informazioni e stimoli che li aiutino a crescere meglio.


IL KARATE AIUTA A CONCENTRARSI?
Tutte le attività sportive in genere aiutano alla concentrazione.Il karate sicuramente da ad essa un’importanza fondamentale.

CHE COSA FANNO I BAMBINI DA 6 A 12 ANNI IN PALESTRA?
Ciò che caratterizza i corsi con i bambini è unire la pratica ludica con la ginnastica a corpo libero e le tecniche di karate dove viene richiesto sempre impegno disciplina e concentrazione ovviamente tutto sempre a misura dell’età del bambino.

IL KARATE SHOTOKAN E' VIOLENTO?

é un argomento vasto da trattare mi limiterò a rispondere brevemente.Nella nostra società i media ed i video games sono veicoli che possono alimentare la violenza tra bambini-ragazzi.Le arti marziali in genere sono state sempre mostrate come violente e non educative io vi dico il contrario,il karate è nettamente meno pericoloso rispetto ad altri sport sicuramente più famosi,praticandolo si acquisisce anche un autocontrollo mentale che ci servirà a controllare le nostre emozioni e quindi anche la violenza intrinseca in tutti noi.

I BAMBINI CON IL KARATE SI DIVERTONO?
Le lezioni all’interno della nostra scuola sono intese come momenti di gioia,rallentando l’incontro con competizioni agonistiche che ormai la società moderna ha imposto anche ai più piccoli con lo stress di vincere medaglie e diventare campioni,cerco di inventare sempre nuove forme di gioco e abilità che aiutino i bambini a muoversi meglio ed acquisire maggior sicurezza di se stessi.Ovviamente essendo una disciplina tutto viene regolamentato da piccole regole interne che ci permettono di allenarsi e giocare sempre con reciproco rispetto.

DURANTE L’ALLENAMENTO VENGONO UTILIZZATI “ATTREZZI”?
Si,sono necessari per sviluppare alcuni movimenti di psicomotricità di agilità e coordinazione. Con l’attrezzature vengono costruiti dei percorsi e inventate piccole sfide dove paure e incertezze vengono affrontate e superate dai giovani allievi.

LA PRATICA DEL KARATE TRANQUILLIZZA I BAMBINI NELLA LORO VITA QUOTIDIANA?
Credo che sia difficile con sole due lezioni settimanali per un totale di 2 o 3 ore possano “tranquillizzare” i bambini,sicuramente gli viene data una” valvola” di scarico di tensioni che vengono concentratein maniera positiva.Quello che io spero che loro riescono a divertirsi e a staccare la “spina” con il ritmo esterno cosi come per gli adulti.

QUALE E' IL SUO RAPPORTO CON I SUOI GIOVANI KARATEKA?
Sicuramente di grande stima e rispetto,cerco di avere con loro un rapporto scherzoso ma allo stesso tempo di rigidità per far apprendere loro le varie regole previste dalla nostra disciplina.

E IL RAPPORTO CON I GENITORI?
un rapporto di dialogo a favore dei piccoli visto che loro sono i primi docenti dei bambini quindi non intendo assolutamente prendere il loro posto nell’accrescimento disciplinare ed educazinale dei piccoli karateka ma mi limito ad una collaborazione con i genitori a favore del piccolo e a mostrargli il “DO”la giusta via.

QUALE E' LO SCOPO DEL KARATE-DO SHOTOKAN?

Come fine non ha solo quello di insegnare tecniche da difesa personale oppure di preparazione alla fase agonistica dove sono previste gare di kata(forma) e kumite(combattimento)ma io fortemente credo lo scopo principale sia quello di formare la mente dei piccoli allievi preparandoli,educandoli ad affrontare la vita con determinazione e in armonia con il mondo che li circonda.

VUOLE DARE UN MESSAGGIO AI GENITORI?
Solo un consiglio,quello di ponderare bene la scelta dell’attività sportiva del proprio figlio senza essere condizionati dai mass media o sport che portano al successo.L’importante è che i vostri figli pratichino lo sport da loro scelto con felicità e armonia,importante è la scelta dell’insegnante che ha il ruolo di educatore e di non trascurare l’ambiente dove si allenano.Colgo l’occasione per ringraziare tutti quelli che mi hanno aiutato nella realizzazione di questo fantastico progetto,dall’insegnamento alla parte burocratica e quella di composizione pubblicitaria di web mastering (web toscana)inerente al sito infine un grazie a mia moglie Paola che anche se dietro le quinte mi sta affiancando in questo fantastico viaggio.

QUEST’ANNO LEI HA PARTECIPATO ALLA GIORNATA DELLO SPORT,QUELLA DI PRIMAVERA E AL GIOCOSPORT CON LE SCUOLE ELEMENTARI DEL COMUNE DI CAMPIGLIA CHE TIPO DI ESPERIENZA E' STATA?
Direi assolutissimamente fantastica,io e il mio collaboratore Enrico siamo orgogliosi di aver “dialogato” con i giovani studenti delle 3 4 e 5 elementari ottenendo una conferma:se i bambini vengono stimolati positivamente nello sport (e non solo)loro sicuramente rispondono positivamente.

MAESTRO ROBERTO,ABBIAMO PARLATO QUASI ESCLUSIVAMENTE DEL KARATE RIFERITO AI PIU' PICCOLI ED INVECE QUALI SONO I BENEFICI VERSO I RAGAZZI E GLI ADULTI?
Si è vero,solo perche credo che i genitori dei più piccoli devono avere più fonti per poter scegliere per loro.I ragazzi(la fascia dei teenagers)dai tredici fino ai 20 sono la fascia di età più difficile a far praticare ma indubbiamente è il miglior momento per trasmettere loro l’agilità la forza e la rapidità nei vari movimenti di questa bellissima e completissima arte.Per quanto riguarda gli adulti ci sono vari modi per avvicinarsi al karate: Cito solo il primo che secondo me è il più importante in assoluto per l’essere umano,il mantenersi in una ottimale forma psicofisica.Di solito gli adulti che non conoscono quest’arte la identificano in un combattimento obbligatorio,mentre i miei allievi che si sono avvicinati ad una età non più agonistica praticano una buona e sana ginnastica che sicuramente da un incremento alla mobilità articolare, tonificazione muscolare,ripresa e aumento del sistema coordinativo esclusivamente tutto a corpo libero(ovviamente inserendo gradualmente il kion il kata il kumite) infine tutti vengono portati a conoscenza delle prime tecniche di karate e di difesa personale dopodiché la passione e i risultati ottenuti da ogni singolo individuo fanno la differenza per il successo della pratica.Teniamo presente che siamo dei grandi recipienti umani diversi fra loro e quindi il karate entrerà dentro questi recipienti in vari modi e varie misure,questo per dirvi che il karate può essere praticato a qualsiasi età con adeguati sistemi di pratica.



Torna ai contenuti | Torna al menu